Il pre-caricamento della cache non funziona

Se pensi che il pre-caricamento della cache non stia funzionando sul tuo sito, prima di tutto controlla se i file della cache vengono generati dopo che clicchi sul bottone Precarica cache

Come controllare se i file di cache sono generati

Usa il File Manager del tuo cPanel o un client FTP, e naviga fino alla seguente cartella:

wp-content/cache/wp-rocket

All'interno della cartella wp-rocket dovresti poi vedere una sotto-cartella chiamata come il tuo dominio, es. iltuosito.it

Dentro questa cartella troverai gli eventuali file di cache. 

Ora clicca su Precarica cache nella barra di amministrazione di WP Rocket. Aspetta qualche momento e poi aggiorna la cartella della cache nel tuo File Manager o FTP. Dovresti ora vedere dei nuovi file aggiunti oppure quelli già esistenti ma aggiornati (controlla la data di creazione per vedere a quando risale l'aggiornamento).

Ricorda che il nostro robot di pre-caricamento visita la homepage e tutte le pagine linkate su di essa. Per cui se le tue pagine non sono linkate dalla homepage, non verranno pre-caricate.

Risolvere i problemi con il robot di pre-caricamento

Se i tuoi file di cache non vengono generati quando richiedi un pre-caricamento, puoi seguire le seguenti istruzioni.

1

Controlla il file robots.txt


WordPress utilizza un  robots.txt "virtuale" che non vedrai nel tuo File Manager. Ma può essere visualizzato sul tuo browser se vai su: iltuosito.it/robots.txt

Se vedi questo codice come risultato, vuol dire che tutti i bot - incluso il nostro - hanno accesso bloccato al tuo sito:

User-agent: * Disallow: /
	

Questo può essere dovuto al fatto che hai scelto l'opzione per impedire ai motori di ricerca di accedere al tuo sito:

Per modificare questa impostazione vai sul pannello di controllo : Impostazioni > Lettura. 

Se hai un file  robots.txt personalizzato, puoi specificatamente permettere l'accesso al nostro bot mantenendo gli altri disattivati. Dovrai usare il seguente codice:

User-agent: wprocketbot Allow: /
	

Per più informazioni sui file robot, vedi :  http://tools.seobook.com/robots-txt/

2

Controlla il registro degli accessi al tuo sito


Controllando il registro degli accessi del tuo sito puoi vedere se il bot sta assolvendo il suo compito e sta visitando il tuo sito. La localizzazione dei registri varia da host a host. Puoi trovarli tramite FTP o il tuo cPanel. Se non sei sicuro, contatta direttamente il tuo web host. Qui trovi gli indirizzi di alcuni dei più comuni host:

Bluehost
Hostgator
Siteground
GoDaddy

Il registro degli accessi può essere aperto in un semplice editor di testo come Sublime Text (Windows & Mac) or Notepad++ (Windows). Sul Mac puoi usare l'applicazione pre-installata Console.

Una volta aperto il registro, cerca wprocketbot
Il risultato dovrebbe essere simile a questo: 

In questo esempio, che mostra come il robot di pre-caricamento stia funzionando correttamente, si vedono sottolineata in rosso i GET e gli indirizzi della pagina visitata, seguiti dal codice di stato, sottolineato invece in verde. Il codice di stato 200 indica che il bot ha visitato con successo la tua pagina.

3

Mettere il nostro bot in lista bianca (whitelist)

Puoi provare a mettere in lista bianca i seguenti indirizzi IP, che sono quelli usati dal nostro bot: 

167.114.255.163
167.114.238.112
167.114.236.135
167.114.234.234	
4

Check Server Response Time

Il nostro bot ha un timeout di 2 secondi. Questo significa che aspetterà per 2 secondi che il tuo server risponda, e se questo non succede, il bot andrà via senza pre-caricare nulla.

Per verificare il tempo di risposta del tuo server, puoi usare un comando cURL (usando qualcosa di simile al Terminal del Mac, o cmd.exe per Windows). Inserisci il seguente comando, e non dimenticare di  rimpiazzare esempio.com con il tuo nome di dominio

curl -o /dev/null -s -w %{time_total}\\n  http://esempio.com
	

Errori comuni

Nell'esempio qui sotto il bot non è stato in grado di accedere al sito. Il codice 301 significa che c'è una redirezione in atto che impedisce al bot di visitare il sito. Il codice 404 significa che la pagina è assente e non è stata trovata, impedendo di nuovo l'accesso del bot al sito:

In molti casi, qualsiasi codice di stato diverso da 200 indica un problema che devi risolvere sul tuo sito prima che il bot possa accedere con successo al sito.

Se incontri un errore 500 o superiore, oppure qualsiasi altro tipo di errore non specifico del server, normalmente questo significa che il tuo server non riesce a gestire la frequenza delle visite del bot, quindi la soluzione potrebbe essere aumentare il tuo limite di memoria o quella della CPU. Questo succede in particolare quando la homepage contiene molti link. In questi casi, puoi contattarci, e disabiliteremo il bot per il tuo sito. 

Per conoscere il significato dei vari codici di stato, consulta questa pagina:  https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_HTTP_status_codes

Se stai usando un plugin che attiva la modalità mantenimento o una splash-page, ossia qualsiasi cosa che impedisca ai visitatori di vedere le tue pagine, il nostro bot sarà sempre bloccato. 

Se cerchi il tuo registro degli accessi e non vedi alcun riferimento al nostro bot, allora in questo caso può essere che il problema stia dalla nostra parte: ti preghiamo in questo caso di aprire un ticket di supporto.

Quando apri un ticket di support, sarebbe molto utile per noi se potessi riuscire a includere anche il contenuto del tuo file di registro