Nonce e vita utile della cache

I nonce sono dei token di sicurezza di WordPress che vengono impressi nel codice sorgente HTML.

I nonce possono essere usati una volta sola (da qui l'espressione inglese “n once”, dove once sta per una volta), e sono validi solo per un certo lasso di tempo: di default 12 ore, ma è anche possibile cambiare il valore.

In una pagina in cache, il nonce scade in background mentre il suo ID è ancora presente nel codice sorgente dell'HTML della pagina. Se succede, l'HTML continua a far riferimento a un nonce non valido e ciò può causare dei problemi.

I problemi possono riguardare molteplici tipi di funzionalità della pagina, dalla validazione di un formulario all'aspetto di un post grid, e molto altro. In alcuni rari casi, è anche possibile che appaia una schermata bianca nel front-end.

Configura la vita utile della cache a 10 ore o meno

Una volta che la cache viene cancellata, il codice HTML si rigenera e quindi fa di nuovo riferimento a un nonce valido. Quindi, quando un setup WordPress (tema, plugin) opera attraverso dei nonce, l'unico modo per mantenerli aggiornati in una pagina in cache è configurare l'opzione Vita utile della cache con un valore inferiore alle 12 ore; 10 ore sarebbe un buon punto di partenza, ma è possibile che debba scendere anche a 8 ore o meno.

Questa operazione equivale ad aggiornare la cache con più frequenza, quindi a un'attività più sostenuta del tuo server, soprattutto se hai attivato l'opzione per il precaricamento della cache. Se noti qualsiasi problema dovuto a un sovraccarico del server, ti consigliamo di disattivare il nostro bot di precaricamento e impostare un intervallo più alto per il precaricamento della sitemap.

Further reading:
Nonces: The Other Problem With WordPress Caching